15.3.11

150



"O patria mia, vedo le mura e gli archi
E le colonne e i simulacri e l’erme
Torri degli avi nostri,
Ma la gloria non vedo,
Non vedo il lauro e il ferro ond’eran carchi
I nostri padri antichi. Or fatta inerme,
Nuda la fronte e nudo il petto mostri.
Oimè quante ferite,
Che lividor, che sangue! oh qual ti veggio,
Formosissima donna! Io chiedo al cielo
E al mondo: dite dite;
Chi la ridusse a tale? E questo è peggio,
Che di catene ha carche ambe le braccia;
Sì che sparte le chiome e senza velo
Siede in terra negletta e sconsolata,
Nascondendo la faccia
Tra le ginocchia, e piange.
Piangi, che ben hai donde, Italia mia,
Le genti a vincer nata
E nella fausta sorte e nella ria."

Da All'Italia di Giacomo Leopardi (Canti)




"Finchè i giovani compositori si ostineranno a lavorare sul vecchio, finchè l’ispirazione non iscenderà sovra essi da un altro cielo inesplorato finora, la musica si ri­marrà diseredata della potenza che crea, le scuole con­tenderanno senza fine e senza vittoria, gli artisti si tra­scineranno erranti, incerti per diversi sistemi, fra diverse tendenze, senza intento e proposito deliberato, senza speranza di meglio, imitatori sempre, e incoronati del serto che gli uomini danno agli imitatori, vivido di bei colori, ma caduco e appassito in un giorno. Avremo perfezionamenti di metodo, ornamenti e raffinatezze di ese­cuzione, non incremento di facoltà creatrice. Avremo mutamenti di stile, non nuove idee; lampi di musica, non una musica; ammiratori entusiasti per moda, appas­sionati se vuolsi, non credenti; non fede."

Da Filosofia della musica di Giuseppe Mazzini

12.3.11

Il Gallo e la Chitarra



"L'arte è la scienza fatta carne". Così si apre Il Gallo e l'Arlecchino (1918) di Jean Cocteau, manifesto del circolo musicale di Montparnasse (più conosciuto come Gruppo dei Sei) e del Neoclassicismo musicale francese di inizio Novecento. Erik Satie viene elevato a ispiratore e caposcuola poiché egli "insegna al nostro tempo la più grande audacia: essere semplici". Contro Wagner e gli infiniti wagnerismi, gli espressionismi e gli impressionismi, dunque anche contro Debussy. Ma cosa si intende qui per semplicità? "La semplicità, cui si perviene come reazione alla raffinatezza, proviene dalla stessa raffinatezza; essa diffonde e condensa la ricchezza acquisita." E per i neoclassici francesi 'la ricchezza acquisita' comprende senz'altro Bach e Beethoven, Mozart e Pergolesi, ma anche il jazz, il circo e il Music-Hall (il café-chantant, il varietà, il vaudeville).
Un bel gruppo di intellettuali e artisti come non se ne vedevano dal Rinascimento: oltre a Cocteau e Satie, Diaghilev, Stravinskij, Max Jacob, Amedeo Modigliani, Pablo Picasso (in apertura di post una sua bozza per la scena di Parade, balletto musicato proprio da Satie), e molti altri.
Ma il più neoclassico di tutti fu Francis Poulenc. Un neoclassicismo contaminato da un puro sentimento religioso. "La musica di Poulenc è distante" scrive sempre Cocteau (Appendice 1924). Ed è una distanza spaziale, più che temporale.
Di seguito una mia interpretazione della Sarabande di Poulenc, l'unica pagina (purtroppo) che ha scritto per chitarra sola, dedicandolo alla leggendaria Ida Presti.



Semplicità e cantabilità, calma e leggerezza, mai banalità: l'invenzione melodica è polimetrica, il contrappunto a due voci è quasi solenne nella sua austera dimensione 'scolastica', la scarna armonia, diatonica e triadica, fa ampio uso di accordi di settima maggiore e minore e di rivolti tipici dei voicing jazzistici. Le difficoltà dell'interpretazione risiedono nella pulizia, nelle dinamiche, nell'agogica e soprattutto nello smorzamento esatto delle vibrazioni delle corde.
Come ha scritto il grande Angelo Gilardino "ne scaturisce un sentimento di pura, innocente estasi, confermato dal francescano commiato: le corde a vuoto della chitarra, toccate lentamente a una a una, come dalla mano di un bimbo."