18.11.10

Codice per suonare



Nel video Andrew Sorensen suona un dialetto del Lisp chiamato Scheme implementato in Impromptu, un ambiente di sviluppo (tipo Eclipse per java) che permette di suonare, improvvisare e manipolare grafica e audio direttamente con il codice di programmazione, in tempo reale.
Il fascino di Impromptu: trasformare ciò che viene normalmente considerato un mero strumento per costruire applicativi in un'esperienza creativa, traslitterare un algoritmo in un pensiero estetico, trasfigurare un codice meccanico in un'applicazione artistica in sé e per sé.
Nel Lisp (da List Processor) tutto è una lista, anche le funzioni. Di qui la relativa semplicità sintattica del linguaggio, il più usato a livello accademico nei progetti di intelligenza artificiale. Come gli Experiments in Musical Intelligence (Emmy per gli amici) di David Cope, che alcune idee di Sorensen mi hanno ricordato.
Considerando gli sbattimenti infernali di Cope, con un ambiente come Impromptu costruire, per dire, un generatore automatico di canzoni dei Beatles è alla portata di (quasi) tutti.

No comments:

Post a Comment